Approfondimenti del Metodo Feldenkrais - ProgettoFeldenkrais

Vai ai contenuti

Menu principale:

Approfondimenti del Metodo Feldenkrais

Percorsi > Percorso Feldenkrais


IL FILO DI ARIANNA – MAPPE PER ORIENTARSI NEI LABIRINTI DEL MOVIMENTO
Niente è difficile per chi sa come fare. Feldenkrais invitava sempre i suoi allievi a ‘pensare per schemi’ ovvero a riconoscere e ad utilizzare gli schemi di movimento selezionati e convalidati dall’evoluzione. In questo modo si può avere accesso a tutta la memoria funzionale della specie. In realtà tutti i migliori insegnanti hanno una mappa interna cui far riferimento per dirigere ed orientare il proprio lavoro, che ne siano consapevoli o meno. Con una mappa tutto è più facile, più veloce, si risparmia tempo e si guadagna efficacia. E’ la stessa differenza che c’è fra chi entra in un supermercato con la lista della spesa in mano e chi vaga confusamente fra gli scaffali.
In questo corso proporremo mappe antiche e recenti utili a orientarsi nei labirinti del movimento, in maniera semplice, e per questo particolarmente efficaci. Cominceremo a sincronizzare il cervello a pensare per schemi e immagini, e tutti sappiamo quanto possa essere preziosa questa capacità mentale nella vita quotidiana. Tutti potranno trarre beneficio da questo lavoro, dall’avanzato praticante a chi si è solo da poco avvicinato al Metodo Feldenkrais®, a chi desidera imparare come tenersi in forma da solo. Lavorando per principi il discorso Feldenkrais® verrà progressivamente esteso anche alle dimensioni ‘esercizio’ e sviluppo della forza, così che ognuno imparerà a continuare a praticare da sé e ad esercitarsi correttamente e in modo efficace in pochi minuti a casa propria.


INTELLIGENZA VISIVA – L’USO DEGLI OCCHI NEL METODO FELDENKRAIS
L’occhio è l’iniziatore di molte, se non della maggior parte, delle nostre azioni. Raccogliere un oggetto, aprire una porta, attraversare una stanza, stringere le mani, colpire una palla o compiere un’inversione di marcia, incominciano con il fissare qualcosa nel nostro campo visivo. Così, se l’uso degli occhi è difettoso, l’insieme dei nostri movimenti avrà una falsa partenza. Se possiamo migliorare questo elemento iniziale, l’intero movimento ne trarrà giovamento. In natura la funzione della visione si è sviluppata in accordo con il movimento e l’intenzione. Pertanto se vogliamo riequilibrare il funzionamento degli occhi dobbiamo ricorrere a processi che non li considerino come separati dal resto del corpo. E’ possibile modificare abitudini radicate, o crearne di nuove, soltanto operando con lo stesso metodo con cui la vita ha creato le prime.
Il lavoro sugli occhi è una parte molto sofisticata del Metodo Feldenkrais®. Poiché il sistema visivo organizza anche il movimento del corpo, il miglioramento della relazione tra occhi e colonna vertebrale agevolerà la qualità del movimento e l’acutezza visiva, e al tempo stesso avrà inevitabili conseguenze sulla qualità della postura, dell’equilibrio, della respirazione e della capacità di concentrazione.

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu